Sermig

Perché aspettare?

di Anna e Raffaele Schipani - Ogni tanto, per motivi diversi, ci capita di incontrare giovani e coppie di fidanzati e di affrontare con loro il tema dell’attesa. E ogni volta la domanda è: perché aspettare? E ci siamo resi conto che far cogliere la bellezza del saper attendere è difficile perché oggi la mentalità prevalente è quella dell’immediatezza.

I nostri giovani sono cresciuti con la possibilità di trasmettere infinite informazioni da un capo all’altro del mondo in tempo reale e questo non è un male, ma con le persone non sempre funziona. Coltivare un’amicizia richiede relazioni reali più che virtuali. E se è più facile accettare che ci vuole del tempo per capire chi è un vero amico, molto più difficile è accettare questo in una relazione di coppia. Se uno mi piace deve essere immediatamente disponibile, in tutti i sensi, se no significa che non gli interesso. E si bruciano infinite occasioni per conoscersi veramente, per costruire poco alla volta una relazione che, se vuole diventare autentica ed espressione dell’amore, non deve mai dimenticare che l’altro è una persona libera come lo sono io, che è diversa da me, che ha modalità e tempi diversi per vivere la relazione stessa.

L’amore va provato nella fedeltà, nel camminare insieme e imparare a conoscersi, nell’imparare a capire dove stiamo andando, cosa vogliamo realizzare insieme, cosa ci sta a cuore, vedere se c’è condivisione. Riscoprire il tempo dell’attesa significa immaginare, vedere le nostre radici piantate nel futuro. Attendere non è lasciare un tempo vuoto, ma coltivare quell’amore seminato nel nostro cuore perché possa sbocciare in una pienezza di vita.

Dovremmo tutti aiutarci a capire che vivere una relazione non è fare delle cose insieme, ma generare una comunione di vita che ha bisogno di un tempo per produrre frutti maturi. Imparare a vivere l’attesa ci aiuta a custodire uno sguardo di stupore nei confronti della persona che amiamo che attende, appunto, di manifestarsi per noi in tutta la sua bellezza.

Anna e Raffaele Schipani
THE FAMILY
Rubrica di NUOVO PROGETTO